Le persone sono spente? Impossibile fare marketing! Meglio, inutile.

Nella quotidianità, sia privata che lavorativa, incontro persone che riescono ad affrontare con successo anche le situazioni più complesse ed altri che invece letteralmente mollano al primo scoglio anche piccolo che incontrano.

Perché queste differenze di reazione?

Perché c’è chi va comunque sempre a testa alta e chi la china sempre e chiude gli occhi?

Le caratteristiche interiori di ogni persona fanno la differenza.

Chi va a testa alta è resiliente, possibilista, sicuro, crede nelle proprie potenzialità e “si tuffa” nel mare della vita. Ma come fanno? No, non è genetica, educazione, famiglia. Hanno preso coscienza che gli unici a migliorare la qualità della vita possono essere loro stessi. Migliorano o cercano il modo per migliorare le loro abitudini di vita. Questo modo di essere richiede impegno, determinazione, tenacia, costanza e tanta pazienza.

Chi china la testa lo fa perché manca di voglia di impegnarsi nel prendere in mano le proprie abitudini di vita. Parlano e disquisiscono, si fanno i fatti degli altri, criticano e giudicano. Hanno nel sangue la Pigrizia.

Ci sono in particolare 2 abitudini che le persone resilienti hanno fatto proprie:

 

  1. Sono grati alla vita : essere grati aiuta ad allenare la resilienza, tranquillizza e riduce la paura di fallire. Essere grati aiuta a vivere in modo più leggero ogni cosa che ci accade.
  2. Non dedicano tempo a giudicare ed a lamentarsi: chi è impegnato a migliorare la sua vita non è neanche sfiorato dal desiderio di giudicare gli altri, criticare, spettegolare e lamentarsi.

 

Molte le imprese di ogni ordine e grado oggi sono in difficoltà economica.

Ma, ti domando, le imprese da che cosa sono fatte? Sono fatte da locali, arredamento, macchinari, software e computer? No, sono fatte da persone.

Se anche solo una delle persone che fanno l’azienda china la testa, si trascina dietro altre persone ed infine tutta l’azienda.

 

Diventa impossibile essere utili consulenti marketing e comunicazione se il problema della 5° P del Marketing ( People cioè Persone )  è marcia e spenta.

Un saluto sorridente qualsiasi Persona, Imprenditore o Professionista tu sia!

 

Vuoi idee, hai idee di come far crescere la tua azienda o professione? CONFRONTIAMOCI!

 

 

 

 

 

NON FAR SBANDARE LA TUA AZIENDA PER UNA MOSCA NELLA TUA AUTO!

Ho conosciuto imprenditori che si stavano schiantando mentre davano la caccia ad una mosca che girava imperterrita sul cruscotto dell’auto ed indisturbata nell’abitacolo della stessa.

Stato d’animo dell’imprenditore?

Fastidio, agitazione, senso d’impotenza e talvolta fermo della macchina per far uscire quella maledetta mosca.

Quali sono queste mosche in azienda?

Sono litigi più o meno velati tra colleghi, antipatie, timore di responsabili o mangement che rema contro la proprietà, cellulare che squilla continuamente e comunica problemi più o meno gravi di commerciali con clienti, della rete che non funziona, del programma che si è bloccato, della consegna della merce che non è arrivata mei tempi concordati e via cantando.

Magari stai guidando e percorrendo autostrade per andare a quell’incontro così importante per il quale ti sei preparato nei giorni precedenti.

Ti sei alzato presto quella mattina per fare con calma ginnastica e colazione e che sai che l’incontro con il cliente potrebbe portare ad una svolta importante nella tua azienda. Crescita, affermazione sul mercato ed aumento di fatturato e margini.

Stai visualizzando l’incontro nella in modo positivo, sei conscio dei vantaggi che potrai portare al cliente ed hai tanto bisogno di tranquillità.

Queste mosche ti distraggono dall’incontro odierno ma anche da tutta la pianificazione e la programmazione che hai fatto, con ragionamento e cogliendo l’ispirazione, per il futuro della tua azienda. Tu hai obbiettivi da raggiungere ed hai creato una struttura che ha un valore.

Sbandi, ed è il classico momento dove dici tra te e te: se torno a nascere faccio….o ma chi me lo ha fatti fare?

Non preoccuparti, capita. Attento a non sottovalutarti ed a mollare la presa.

Da dove? Dal valore per il cliente che è (o dovrebbe essere) il punto di fuoco costante della nostra visione aziendale, del perché abbiamo fondato quell’azienda.

Perché, solo se creiamo valore per il cliente, il cliente ci riconosce come diversi e ci dà fiducia.

Tutto il resto sono mezzi per raggiungere tale scopo: la fiducia del cliente perché non gli proponi solo un prodotto od un servizio ma Valore che si traduce in crescita per la sua azienda.

Ci vuole però grande lucidità e poco stress per non tentare di spiaccicare la mosca sul finestrino, sul parabrezza od influire sul fermo della macchina.

Un vero imprenditore e un vero manager si vedono anche da questo: 

  1. Quanto focus hai quando ti ronzano attorno i piccoli problemi quotidiani?
  2. Quanto sai ragionare in termini di valore per il cliente?
  3. Quanto sai accettare un tuo fastidio continuando a creare valore per il cliente?
  4. Quanto sai delegare a persone di fiducia?
  5. Quanta fiducia dai ai collaboratori e che cosa ricevi in cambio?

 

Vuoi idee, hai idee di come far crescere la tua azienda o professione? CONFRONTIAMOCI!

 

 NON ENTRARE IN UN TUNNEL TRAFFICATO

È così che potrai mantenere produttività: non entrando in un tunnel trafficato ma rimanendo sulla strada senza traffico che hai individuato.

Solo così riesci a mantenere il focus sui percorsi legati alla continuità aziendale e soprattutto alla sua crescita anno per anno.

Come fare?

Partendo dalle basi di un marketing sano che nasce su di un un terreno sul quale devi costantemente seminare e proteggere dalle intemperie

  1. Analisi: se non sai cosa crea davvero valore per il cliente, che business crei?
  2. Diffusione del valore in tutti i reparti aziendali: tutte le persone dell’azienda creano valore per i clienti finali, non solo il marketing e le vendite (come spesso si tende a pensare). Ci vuole quindi grande cultura interna attorno a questo grande obiettivo comune e sei tu imprenditore che lo devi diffondere.
  3. Supporto da parte di persone consulenziali ai decisori. Se chi decide deve guidare, c’è chi deve metterlo nelle condizioni di farlo senza distrazioni. Un buon manager si circonda di persone che possono semplificargli la guida eliminando le distrazioni, piccole o grandi che siano.
  4. Empatia oltre che razionalità nella gestione di tutto il tuo Team perché è anche dal valore che il Team riconosce nella tua azienda che si propaga il tuo valore. Come azienda e come imprenditore.

 

Vuoi idee, hai idee di come far crescere la tua azienda o professione? CONFRONTIAMOCI!

Un saluto sorridente qualunque Imprenditore, Persona o Professionista tu sia!

 

Photo: WEB WOLKSWAGEN